Presa elettrica: come aggiungerne una in casa

presa elettrica
Presa elettrica: come aggiungerne una in casa

In casa può essere necessario dover aggiungere una presa elettrica. In questo articolo vi spieghiamo come svolgere il lavoro in sicurezza!

L’utilizzo dei tanti dispositivi tecnologici, dagli smartphone ai tablet, può richiedere, per maggiore comodità, una presenza maggiore di prese elettriche. Se non volete rivolgervi ad un tecnico esperto, e risparmiare così liquidità, potete installarle da soli. Vediamo come procedere!

Prese incassate

Per aggiungere delle prese incassate è necessario innanzitutto segnare la traccia nel muro. Questa ospiterà il tubo contenente i cavi (fase, neutro e terra) che dalla cassetta di derivazione si dirigeranno verso la scatola della nuova presa. Il tubo deve avere un diametro di 25 mm. I percorsi sottotraccia, invece, devono essere realizzati utilizzando angolazioni di 90° paralleli ai perimetri dei muri. Così facendo potranno essere trovati più facilmente in caso di riparazioni o modifiche. Il passaggio dei tubi, nel caso in cui incontri particolari difficoltà, può essere agevolato grazie a delle apposite corde rigide dotate di rondella.

Poi collegate i tre cavi nella scatola di derivazione, nel relativo morsetto e nei frutti della presa elettrica appena installata. A questo punto non vi rimane altro da fare che chiudere le tracce segnate in precedenza. Munitevi dunque di gesso, stucco e, qualora ce ne fosse bisogno, di intonaco premiscelato. Terminato il lavoro sarà necessario anche tinteggiare le pareti.

Prese a vista

Forse le prese a vista non sono la soluzione più bella da vedere, ma sono decisamente più facili da installare. Questo perché si avvalgono di canaline esterne che garantiscono la loro funzione anche nel caso di circuiti provvisori.

Prima di tutto occorre fare un progetto per evitare acquisti inutili rispetto alle reali esigenze. Inoltre serve per capire in che modo posizionare le varie canaline, le quali, per legge, non possono essere applicate in diagonale. Dovranno poi essere tagliate della lunghezza necessaria, considerando anche lo spazio occupato alle estremità dai giunti, e forate nel fondo ogni 30/40 cm per poter inserire le viti dei tasselli. Questi ultimi andranno inseriti nei corrispettivi fori applicati sulla parete e, avvitandoli, permetteranno di fissare le canaline.

Utilizzate degli altri tasselli per fissare la scatoletta per la presa al muro. Poiché si tratta di un oggetto in plastica, è bene evitare di stringere troppo le viti per evitare di romperla. A questo punto potete inserire i conduttori all’interno delle canaline. Per fare questo, dovete stenderli in maniera ordinata facendo attenzione a rispettare i colori dei conduttori. Inserite quindi i terminali spellati nei relativi morsetti. Poi stringete per bene le viti e avvitate anche la mascherina. Quindi, all’interno dei cappellotti isolanti, nella scatola di derivazione, si dovranno inserire le estremità dei conduttori. Completate il lavoro stringendo le viti.

Sicurezza

La soluzione migliore in termini di eleganza e sicurezza è certamente quella della presa a scomparsa, dotata di sportellino. È l’ideale anche in termini di comodità, poiché può essere montata anche a pavimento. Inoltre permette di ottimizzare gli spazi della casa, garantendo l’alimentazione per più dispositivi elettronici allo stesso tempo.

Se cercate altre informazioni sulle prese elettriche, consultate Fixool!

©2017-2018 Fixool

Comments

comments