Installare videocitofono: come fare

installazione videocitofono
installazione videocitofono

Il videocitofono è uno strumento molto utile che si decide di installare quando si ha la necessità di riconoscere la persona che ha suonato il campanello di casa. Infatti, grazie ad una videocamera esterna, attraverso il videocitofono potrete non solo ascoltare la voce del vostro ospite, ma anche vederlo in faccia, così da esser sicuri che si tratta di una persona da voi conosciuta. Installare un videocitofono è quindi l’ideale soprattutto per chi vive da solo e vuole costantemente monitorare quelli che bussano alla loro porta.

Se avete deciso di ricorrere al fai da te per l’installazione del videocitofono, in questo articolo troverete tutte le informazioni necessarie per poter effettuare questa operazione.

Installazione videocitofono: consigli utili

Installare un videocitofono non è difficile, bisogna solo possedere i materiali e gli attrezzi necessari e conformi alle norme vigenti, oltre che armarsi di una buona dose di pazienza.

Abbiamo deciso di scrivere questa guida per fornirti tutte le informazioni utili per l’installazione del tuo videocitofono in piena autonomia; infatti, al contrario di quello che si può immaginare, questa operazione è semplicissima. Vediamo insieme come fare!

La prima fase da compiere prevede il reperimento dei seguenti materiali ed utensili:

  • Videocitofono da voi acquistato;
  • Gesso;
  • Cavi a due condotti da 1,5 mmq;
  • Corrugato;
  • Cavidotto;
  • Metro;
  • Matita;
  • Cazzuola;
  • Livella;
  • Scanalatrice;
  • Pala;
  • Spatola;
  • Cacciavite;
  • Piccone;
  • Trapano.

Una volta recuperati tutti gli strumenti necessari, dovrete segnare con la matita il punto dove verrà posizionato il videocitofono: si consigli di metterlo lontano dai raggi solari, ad un’altezza media di circa 160 centimetri sia in casa che vicino al cancello d’entrata.

Naturalmente, prima di intervenire e proseguire all’installazione del videocitofono, è necessario staccare l’alimentazione della corrente elettrica per evitare episodi pericolosi e spiacevoli.

Nella seconda fase, collegate il filo nel punto in cui è fissato il trasformatore e convertite la corrente da 230 V a 12 V, un livello sufficiente per poter alimentare lo strumento. Successivamente, fate passare i due cavi da 1,5 mmq nel corrugato fino ad arrivare al monitor.Inoltre, dal monitor ripartono due fili sempre da 1,5 mmq che arrivano fino alla pulsantiera esterna. Ricordatevi che durante queste operazioni è necessario mantenere spenta l’alimentazione della corrente.

A seguire, tramite la scanalatrice ricaviamo lo spazio del corrugato sul muro lasciando qualche centimetro in più per le fasi di stuccatura e gessatura effettuate con cazzuola e gesso.

Con l’operazione di stuccatura, dunque, rimarrà libero solo uno spazio dal quale sporgeranno i fili della pulsantiera e dell’alimentatore.

Per il collegamento tra le apparecchiature interne ed esterne è necessario procedere con un cavi dotto sottoterra che per legge deve essere di almeno 80 cm se passano i veicoli nella zona adiacente. Invece, basta una profondità di 50 cm in caso di passaggio esclusivamente riservato ai pedoni. Durante questa operazione, dovrete far fuoriuscire i fili dall’esterno dove verrà collegato il monitor. A lavoro ultimato, bisogna installare la pulsantiera esterna.

Fate passare i fili del monitor e della serratura elettrica nella stessa e appoggiate la pulsantiera sulla parete e con una matita indicate i punti di fissaggio. Su questi punti dovrete realizzare dei fori ed inserire dei tasselli e del silicone sul retro della pulsantiera per  garantire la resistenza della stessa.

Prima di avvitarla, bisogna far passare i fili e seguire le indicazioni della confezione per collegare i fili sulle morsettiere.

Una procedura simile va adoperata anche per il monitor; infatti, bisogna fissarlo su un supporto a muro, segnare i punti su cui verranno inseriti i tasselli (avendo cura di garantire il passaggio dei cavi) e fissando i tasselli prima di collegare i due fili di alimentazione elettrica con i due fili della pulsantiera elettrica.

Questa fase prevede la lettura delle indicazioni che si trovano sulla scatola per collegare i fili sulle morsettiere.

Completate queste fasi, si può riattivare l’alimentazione e provare il funzionamento dell’apparecchiatura.

Se avete deciso di installare autonomamente il vedeocitofono, visitate il nostro sito Fixool per avere tutte le informazioni utili sui passaggi da effettuare! Inoltre, sul sito troverete molte altre guide su installazioni e manutenzioni varie per poter lavorare senza dover ricorrere all’aiuto di un tecnico.

©2017-2020 Fixool

Comments

comments