Elettricista 2.0, la professione rivista e corretta

elettricista
elettricista

Gli studi in merito all’elettricità e alla domotica sono in continuo sviluppo; per questa ragione oggi la professione dell’elettricista sta diventando sempre più specializzata.

L’elettricità e gli impianti installati negli edifici si sono notevolmente evoluti nell’ultimo decennio. Grazie allo sviluppo della tecnologia domotica e dell’impiego sempre maggiore di energie rinnovabili, infatti, è avvenuta una vera e propria rivoluzione di settore. L’edilizia non poteva che essere il fulcro di questa innovazione.

Per questa ragione, un “elettricista 2.0” oggi dovrà necessariamente specializzarsi e conoscere in maniera più che approfondita il funzionamento delle ultime tecnologie: la missione sarà ricreare un miglior comfort abitativo per gli utenti.

Non sarà più semplicemente un tecnico specializzato in installazione e manutenzione di componenti elettriche ed elettroniche: un elettricista 2.0 è in grado di confrontarsi con le nuove tecnologie e affrontare con la massima professionalità tutte le problematiche inerenti quest’avanguardia tecnologica.

In particolare, un elettricista 2.0 dovrà essere in grado di destreggiarsi tra le numerose peculiarità di un impianto domotico, dovrà conoscere la capacità di controllo della domotica per i carichi energetici, la gestione di illuminazione e temperatura degli ambienti, il controllo degli impianti da remoto, la gestione della diffusione sonora, il controllo e le rilevazioni di incendi e perdite d’acqua e la gestione di ogni singolo scenario.

Come diventare elettricista

Per ottenere la qualifica di elettricista e poter iniziare ad operare nel settore è necessario conseguire il diploma di perito elettronico, presso un istituto industriale. La stessa attestazione è conseguibile anche mediante una delle tante scuole professionali volte a preparare futuri elettricisti.

Dopo il conseguimento del diploma di perito elettronico o dell’attestato ottenuto presso una scuola professionale, sarà necessario effettuare un periodo di inserimento professionale della durata di almeno due anni presso un’azienda che opera nel settore.

Un elettricista opererà eseguendo l’installazione e la manutenzione degli impianti elettrici in abitazioni, uffici, capannoni ecc, oltre a fabbriche, industrie e pubblica amministrazione. Per quanto riguarda la possibilità di lavorare presso quest’ultima, il candidato dovrà obbligatoriamente, secondo le disposizione di legge, affrontare un concorso specifico per la sua assunzione.

Le materie di studio, sia in un istituto tecnico industriale che presso una scuola professionale, sono le seguenti:

  • Disegno tecnico,
  • Elettrotecnica,
  • Autocad,
  • Cavi elettrici,
  • Fenomeni elettrici,
  • Contatore,
  • Impianti di illuminazione,
  • Elettormagnetismo ed energia.

Elettricista in aggiornamento

Ogni tecnico professionista necessita di frequentare dei corsi di aggiornamento. A seguito dello sviluppo della tecnologia domoticaè fondamentale che un elettricista 2.0 sia sempre preparato in merito al meccanismo e al funzionamento di questi impianti. Inoltre, sarà necessario che conosca in modo approfondito le dinamiche relative all’impiego di fonti di energia rinnovabili nei diversi ambienti.

La domotica 2.0

L’impianto elettrico è la centralina di controllo di una domotica connessa alla rete, basti pensare all’ormai indispensabile wifi presente in tutte le abitazioni.

Ma cosa si intende veramente per domotica?

Un sistema domotico è un impianto elettrico dotato di diverse tecnologie, incaricate di gestire i consumi e i comandi degli ambienti dell’abitazione. Possedere un controllo completo di tutta la casa è più una realtà così tanto distante: quante volte si ricorre a smartphone, tablet o altoparlanti intelligenti per fare quello che normalmente si otterrebbe manualmente?

La domotica permette il controllo remoto su tutte le apparecchiature di casa: abbassare la temperatura, regolare l’irrigazione del giardino con la programmazione da telefono, tutto ciò che è collegato all’impianto elettrico è programmabile o gestibile.

Aspetto non sottovalutabile: la domotica non solo si pone al servizio dell’utente per facilitarlo nella gestione ma garantisce alti livelli di sicurezza. Con le attuali tecnologie è possibile essere avvisati sul funzionamento del sistema di allarme e allo stesso tempo ricevere avvisi di perdite d’acqua o di gas, a distanza tramite smartphone.

Quello che un elettricista dovrà fare allora sarà mantenere un costante livello di aggiornamento per essere sempre pronto a rispondere alle esigenze dell’utente informato.

Scoprite con Fixool il percorso formativo da seguire per le principali professioni che riguardano il settore dell’edilizia.

© 2018-2019 Fixool

 

Comments

comments