Come ottimizzare i consumi domestici

consumi
consumi

I consumi domestici sono una realtà da cui non si può prescindere: chiunque vorrebbe diminuirli ma nessuno può fare a meno della luce, dell’acqua o degli elettrodomestici nella propria abitazione, per questo motivo sono una spesa inevitabile.

Tuttavia, esistono dei metodi per eliminare gli sprechi e limitare i consumi, ottenendo un vantaggio sia per le famiglie sia per l’ambiente.

Classe energetica degli elettrodomestici

La classe energetica degli elettrodomestici, conosciuta anche come classe di efficienza energetica degli elettrodomestici, è un indicatore voluto dall’Unione Europea che mostra l’efficienza di numerosi elettrodomestici.

Ogni stato membro dell’UE è tenuto a vendere questi prodotti muniti di un’etichetta in cui è specificato: il produttore, il modello, la classe energetica e il consumo elettrico in kWh. Le classi energetiche vanno da A+++ a G, dove la prima indica la migliore efficienza mentre la G la peggiore.

Questo valore non sempre indica il consumo elettrico, poiché la classe mostra l’efficienza a prescindere dalle dimensioni dell’elettrodomestico. Gli oggetti in cui deve essere obbligatoriamente presente la classe sono:

consumi

  • frigoriferi e congelatori
  • lampadine
  • lavatrici
  • forni elettrici
  • lavastoviglie
  • asciugatrici
  • lavasciuga
  • televisori
  • condizionatori
  • scaldabagni
  • aspirapolvere
  • cappe ad aspirazione

Sono esenti dalla classificazione: stufe elettriche, phone, forni a microonde e molti altri prodotti la cui incidenza sui consumi di una casa è trascurabile.

Esistono delle detrazioni per la sostituzione degli elettrodomestici?

Grazie al Bonus mobili ed elettrodomestici 2020 è possibile avere una detrazione del 50% sull’acquisto dei grandi elettrodomestici per l’arredamento di un edificio in ristrutturazione, a patto che la classe di questi oggetti non sia inferiore ad A+ (A per i forni).

Gli elettrodomestici inclusi sono:

  • lavastoviglie
  • frigorifero
  • forno
  • piano cottura
  • congelatore
  • lavatrice
  • asciugatrice
  • climatizzatore

La detrazione è del 50% indipendentemente dal costo dell’elettrodomestico e va calcolata sull’acquisto complessivo di tutti gli elettrodomestici, fino ad un importo massimo di 10.000 euro.

Tenuta degli infissi

Gli infissi sono degli elementi importantissimi nelle case, perché favoriscono l’isolamento termico, acustico e impediscono agli agenti atmosferici di penetrare all’interno dell’abitazione. Una scorretta installazione può inoltre causare la formazione di muffe e infiltrazioni.

Gli infissi possono essere prodotti con diversi materiali, i più comuni sono: legno, acciaio, alluminio e PVC (polivinilcloruro). È molto importante individuare quello più adatto alle proprie esigenze perché ogni materiale ha costi e prestazioni diverse.

  • Il legno è un isolante naturale e viene impiegato per la costruzione di infissi ecosostenibili, di buona qualità ed esteticamente molto raffinati. Proprio per queste sue caratteristiche ha un costo mediamente più elevato rispetto agli altri materiali.
  • L’alluminio è più economico del legno, ha una buona tenuta agli agenti atmosferici e resiste per molti anni ma, se non è a taglio termico, è poco isolante.
  • PVC è un materiale di origine plastica, ha una buona resistenza e garantisce l’isolamento termico e acustico ma gli infissi di questo tipo devono essere dotati di opportuni rinforzi che impediscano deformazioni dovute ad agenti atmosferici. Ha un ottimo rapporto qualità-prezzo.

consumi

In commercio sono diffusi anche degli infissi “ibridi” composti da più materiali in cui si sfruttano le potenzialità di ciascun elemento in modo da rendere il prodotto finale ancora più efficiente.

La tenuta degli infissi è fondamentale perché evita che da porte o finestre entri acqua, umidità oppure che il calore interno della casa si disperda. Per una famiglia si tratta di una scelta importante perché aumenta il comfort e influisce sull’efficienza energetica di un’abitazione.

Agevolazioni per la sostituzione degli infissi domestici

Anche per la sostituzione degli infissi esistono delle agevolazioni: il bonus ristrutturazione 2020 e l’ecobonus 2020.

Il bonus ristrutturazione 2020 prevede una detrazione IRPEF del 50% per una spesa di ristrutturazione massima di 96.000 euro, che include anche gli infissi. È prevista la restituzione del 50% della somma spesa sotto forma di detrazione fiscale, in rate uguali per dieci anni di fila.

Anche l’ecobonus 2020 prevede una detrazione del 50% per la sostituzione delle finestre e degli infissi, senza l’impegno di una ristrutturazione. Entrambi i bonus erano attivi anche nel 2019 e sono stati prorogati con la legge di bilancio del 2020.

L’ecobonus ha come obiettivo la riqualifica energetica degli edifici, quindi lo scopo è di ottimizzare i consumi delle famiglie in modo da ridurre gli sprechi.

Installazione di pannelli fotovoltaici

L’impianto fotovoltaico è un impianto elettrico che sfrutta l’energia solare per produrre energia elettrica, in questo modo si abbattono i costi e viene prodotta energia pulita e rinnovabile. L’installazione di un impianto fotovoltaico riduce notevolmente i consumi elettrici di una famiglia e aumenta il valore di una abitazione.

I pannelli fotovoltaici vengono installati sulle superfici esterne della casa, di solito sul tetto, catturano i raggi solari e li trasformano in corrente continua. Quest’ultima, grazie ad inverter viene trasformata in corrente alternata, che poi viene diffusa e impiegata in tutta la casa.

Prima di installare dei pannelli solari è bene valutare il consumo elettrico di una famiglia e lo spazio disponibile per impiantare un sistema di questo tipo. Una volta valutati questi elementi occorre concordare con un esperto l’inclinazione dei pannelli e la loro posizione (è importante che non siano in ombra in nessun periodo dell’anno). Anche per i pannelli fotovoltaici è prevista una detrazione del 50% grazie al bonus di ristrutturazione edilizia.

Il sogno della casa domotica…è realtà!

Oggi sempre di più, grazie agli impressionanti sviluppi della tecnologia, gli strumenti tecnologici “intelligenti” hanno iniziato a popolare la nostra casa per migliorare e velocizzare le azioni quotidiane.

Con gli assistenti vocali si possono svolgere moltissime funzioni come accendere le luci, alzare le tapparelle o regolare il termostato attraverso un semplice comando vocale, senza nemmeno muoversi dalla sedia.

La domotica è molto utile anche per ottimizzare i consumi domestici, infatti, grazie al controllo degli impianti di casa è possibile monitorare i consumi ed evitare gli sprechi. Nello specifico si possono impostare orari e condizioni in cui azionare gli elettrodomestici, regolare la temperatura della casa in modo che i riscaldamenti si spengano nel momento in cui la temperatura viene raggiunta e, se si possiede un impianto fotovoltaico, si può monitorare in tempo reale l’energia elettrica prodotta.

Comments

comments