Amazon Alexa: cosa è e perché non potrai farne a meno

Amazon Alexa
Amazon Alexa: cosa è e perché non potrai farne a meno

Il settore degli assistenti vocali per la gestione della casa è in continua evoluzione. Vediamo le caratteristiche offerte da Amazon Alexa!

Cosa è Amazon Alexa

Amazon Alexa è un assistente virtuale intelligente, sviluppato dall’azienda statunitense Amazon, in grado di interagire vocalmente con l’utente. Lo si può trovare integrato nei dispositivi Amazon Echo ed Echo Dot. Per attivarlo è sufficiente chiamarlo per nome, “Alexa” appunto, o premere un apposito pulsante per avviare la modalità di ascolto, e proseguire la “conversazione” attraverso i comandi vocali desiderati. Questi possono riguardare ad esempio la richiesta delle previsioni meteo, la riproduzione di una canzone presente su Amazon o Spotify, l’avvio di una telefonata o la gestione dei dispositivi della casa domotica.

L’utilizzo di Alexa mette in evidenza la volontà di Amazon di preservare i suoi prodotti dalla concorrenza. Alcuni dispositivi della casa domotica, infatti, non possono essere gestiti al massimo delle loro potenzialità a causa di limitazioni o blocchi. Un esempio è dato dall’impossibilità di utilizzare gli altoparlanti Raumfield Stereo Cubes di Google Cast per l’ascolto della musica di Spotify, Con uno spinotto jack collegato all’Echo Dot, invece, è possibile riprodurre tutta la musica desiderata anche per mezzo del vecchio impianto stereo.

Skills di Alexa

Le funzioni garantite da Amazon Alexa sono numerose. Una prima idea sulle skill presenti nell’assistente vocali può essere fatta a partire dall’installazione gratuita dell’app. Al suo interno vengono infatti proposte offerte relative all’ecosistema di acquisto Amazon, ed è possibile apprezzare le abilità di base di Alexa.

Iniziamo dai libri e dalla musica, due tra le funzioni più ricercate. Per quanto riguarda i primi, il dispositivo Amazon è in grado di riprodurre gli ebook Kindle in formato audio. Con riferimento alla seconda, invece, può invece riprodurre radio, canzoni o serie. Queste possono essere ascoltate anche da TuneIn o Spotify, dal momento che sono supportati.

Grazie ad Alexa è possibile scrivere ed elaborare liste e promemoria. Queste possono essere poi connesse a Google Keep, Anydo, Todoist o Wunderlist. Si possono sfruttare anche le funzioni di sveglia, di cronometro e di calendario, collegando Alexa a quello Microsoft o Google. In questo modo eviterete di perdere tempo con il passaggio manuale dei dati.

Parlando di Smart Home, è invece possibile collegare tali dispositivi, come ad esempio Philips Hue, al vostro assistente vocale. Con riferimento a questo ambito è probabile che nell’immediato futuro possano essere aggiunte delle nuove skill.

Quanto visto finora racchiude tutta la serie di operazioni che Amazon Alexa è in grado di compiere attraverso l’interazione con l’utente. A queste funzioni base, come avviare un’app o riprodurre una canzone, si aggiungono però altre abilità che, come si vedrà nei paragrafi successivi, rappresentano un vantaggio o uno svantaggio rispetto ai prodotti delle altre società.

Vantaggi di Alexa

Iniziamo a capire quali sono i vantaggi di Amazon Alexa.

Un aspetto molto importante è quello relativo alla tutela della sfera privata. Grazie ad esso, infatti, potrete cancellare i comandi vocali dal vostro account. Si potrebbe obiettare che anche Google Assistant, l’omologo della compagnia californiana, sia in grado di svolgere questa funzione. In realtà, diversamente da quanto avviene con il dispositivo Alexa, i comandi vocali verranno sì rimossi dall’account personale, ma rimarranno comunque presenti all’interno del server.

Un’altra funzione interessante, specifica dei dispositivi Echo, è quella della modalità “sorda”. In pratica, premendo l’apposito pulsante nella parte superiore del dispositivo, è possibile separare il microfono dall’alimentazione. Potrete accertarvi dell’effettivo spegnimento attraverso il cerchio dell’altoparlante che si colorerà di rosso. Nel caso in cui desideriate rendere la vostra “casa intelligente” una zona libera da Alexa, non dovete far altro che silenziare tutti i dispositivi Echo presenti nella vostra abitazione.

Parlando però di concorrenza occorre sottolineare come Amazon sia al momento la società leader nella produzione di assistenti vocali. Le prove di ciò possono essere apprezzate con i dispositivi Echo, i quali ricevono un miglioramento continuo anche con riferimento agli hardware. Questi progressi, al momento, non sono ancora pienamente riscontrabili in altre aziende. Tuttavia, come si vedrà meglio nel prossimo paragrafo, per mantenere la situazione di leadership sul mercato, è necessario intervenire su diversi aspetti, quale ad esempio quello della qualità delle skill. Questa si ripercuote infatti sotto forma di dati fraintesi o comandi vocali goffi, i quali verranno visti dall’utente come delle difficoltà incomprensibili.

Svantaggi di Alexa

Il primo svantaggio evidente di Amazon Alexa è dato dalla volontà della compagnia di fare affidamento solo a servizi provenienti dal proprio ecosistema. Non è possibile ad esempio ascoltare la musica da Apple Music, utilizzare Google Cast, telefonare con Skype o accedere a Sky Online. Altre società, invece, hanno aperto i propri sistemi ad altri fornitori attraverso interfacce. In questo modo è possibile utilizzare app dello smartphone o siti web attraverso l’assistente vocale.

Ciò significa che chi decide di passare ai dispositivi Alexa non ha la comodità di poter sfruttare al meglio tutti i servizi e le applicazioni su cui ha sempre fatto affidamento. Le limitazioni e i blocchi non garantiscono infatti la possibilità di sfruttare il nuovo sistema senza disagi in tal senso.

Abbiamo detto inoltre che Alexa tutela la sfera privata attraverso la cancellazione dei comandi vocali. L’altra faccia della medaglia è data dalla carenza di informazioni, le quali permetterebbero un miglioramento qualitativo dei propri dispositivi. Il perché di questa scelta è giustificata nella pagina di supporto di Alexa. Si vuole evitare infatti che le autorità della sicurezza possano utilizzare le registrazioni degli utenti.

Un altro svantaggio di Amazon Alexa, almeno per noi italiani, è quello della lingua. Il dispositivo è stato infatti lanciato in numerosi Paesi, ultimi dei quali sono stati Australia e Nuova Zelanda, ma non l’Italia. Ciò si ripercuote nelle lingue con i quali è possibile interagire con Alexa. In questo momento le uniche disponibili sono l’inglese ed il tedesco. La possibilità di poter utilizzare la nostra lingua, però, è solo questione di tempo. Si sta infatti lavorando affinché anche in Italia si possa utilizzare l’assistente vocale senza alcuna barriera linguistica.

Siete interessati ai tanti dispositivi che rendono la casa “intelligente”? Su Fixool trovate tante altre informazioni!

©2017-2018 Fixool

Comments

comments