Stucco veneziano: come applicarlo in autonomia

stucco veneziano
stucco veneziano

Devi applicare lo stucco veneziano ma non sai come fare? Questa pagina ti fornirà, passo dopo passo, i procedimenti per ottenere un risultato incredibile!

Lo stucco veneziano è una tecnica di pittura che permette di ricreare l’effetto marmo patinato sulle pareti, rendendo l’ambiente più elegante e raffinato. Questa tecnica risale a tempi molti antichi e si stima che abbia avuto origine in Iran. L’appellativo “veneziano” deriva dal fatto che a Venezia, questa tecnica viene tramandata di generazione in generazione. Scorrendo nella lettura, potrai capire la tipologia di stucco necessario, i materiali e le varie fasi relative all’applicazione dello stucco veneziano. Vediamo quindi come fare.

Scelta dello stucco veneziano

Lo stucco veneziano può essere di due tipi: stucco sintetico o stucco a calce. La scelta dipende sostanzialmente dal budget a disposizione e dall’esperienza. Il vero stucco veneziano è quello a calce, realizzato con materiali naturali e più costoso, ma anche il più difficile da applicare. Per questo, sono state create delle alternative sintetiche che, oltre a essere più accessibili economicamente, risultano più semplici da applicare e ritoccare. Lo stucco a calce, tuttavia, vanta degli aspetti molto vantaggiosi, quali maggiore resistenza all’umidità e alla formazione di muffa, nonché trasmettono la sensazione della vera pietra.

Una volta scelto il tipo di stucco ideale per le tue esigenze, dovrai procurarti i materiali necessari per la stesura e la protezione del pavimento, per cui dovrai stendere dei teli, come accade nel caso della tinteggiatura delle pareti.

Attrezzi e materiali

Al fine di rendere stabili i teli per la protezione del pavimento, accertati di avere anche una quantità sufficiente di nastro adesivo per fissare i teli stessi. Fai attenzione a non applicare il nastro nelle zone dove non intendi applicare lo stucco veneziano: questo è ben diverso dalla pittura e il nastro adesivo potrebbe creare delle crepe o rimuovere lo stucco già applicato, rovinando il lavoro completato fino a quel momento.

Prima di applicare lo stucco veneziano, è necessario preparare la parete, verificando l’eventuale presenza di imperfezioni. Lo strumento più adatto per effettuare questo tipo di operazione è la carta vetrata per smussare le sporgenze o gli eventuali rigonfiamenti della pittura. Se utilizzi lo stucco sintetico, non è necessario carteggiare la parete, ma potrai correggere queste imperfezioni durante l’applicazione.

Se si tratta di una parete alta, procurati una scala e metti sempre in primo piano la tua sicurezza: non affidarti a soluzioni precarie che potrebbero compromettere la tua salute in caso di cadute accidentali. Gli altri strumenti necessari per l’applicazione dello stucco veneziano sono: spatola per l’applicazione dello stucco veneziano, la pennellessa, il primer e rullo da tinteggiatore e un frattazzo per la rifinitura finale.

Procedimento

Prima fase: creare strato di fondo omogeneo

Nel caso dello stucco a calce, ricordati di rendere la parete uniforme e senza alcuna irregolarità. Se, al contrario, utilizzi lo stucco sintetico, puoi procedere immediatamente all’applicazione del primer, ovvero il fissativo, chiamato anche isolante. In caso di stucco a calce, dovrai acquistare un prodotto specifico chiamato fondo o, se preferisci, potrai passare direttamente all’applicazione dello stucco veneziano. In entrambi i casi, stendete uno strato di fondo o isolante garantisce un’adesione migliore e una durata prolungata dello stucco stesso. Il primer o fondo deve essere applicato in modo omogeneo in tutta la parete con il rullo tipico degli imbianchini.

A seconda dello stato della parete stessa, potrebbe essere necessaria una seconda mano, perché si ottenga un risultato uniforme e perfettamente liscio. Se noti che dopo la prima mano la parete presenta ancora delle irregolarità, dovrai aspettare che la parete si sia asciugata prima di stendere la seconda mano di primer o fondo. L’asciugatura completa potrebbe richiedere anche fino a 24 ore. Una volta che la base è asciutta, puoi procedere alla fase successiva. Vediamo come.

Seconda fase: altre ripassate sulla base

Usando della carta vetrata a grana fine, cerca di smussare quanto più possibile gli angoli della spatola così che i segni degli spigoli non rimangano visibili sulla parete. Prepara lo stucco e stendine un primo strato. Fai attenzione a distanziare le spatolate, garantendo che lo strato sia sottile e non troppo spesso. Durante questa fase, potrai dare spazio alla tua creatività, creando un disegno o un motivo particolare. L’importante è che la alterni la direzione, non spatolando nello stesso verso. Inizia da un angolo superiore della parete e, con la spatola, crea un angolo compreso tra i 15° e i 30°, affinché sia più facile da distribuire.

Man mano che procedi all’applicazione, pulisci sempre la spatola con un panno asciutto e pulito: eviterai che i residui e i granelli di stucco non rimangano sulla parete, creando degli effetti antiestetici. Per i punti di più difficili, come gli angoli o la cornice, applica lo stucco veneziano direttamente con la mano, appositamente coperta da un guanto di lattice.

Bene, sei già a metà dell’opera! Pensavi fosse così semplice? Questo tipo di intervento richiede poche ma importanti attenzioni per ottenere un risultato davvero strabiliante! Dopo aver passato la prima mano, è giunto il momento di passare la seconda mano e dovrai seguire lo stesso procedimento, iniziando dallo stesso punto di partenza. Se il risultato non ti soddisfa totalmente, potrai passare anche una terza o quarta mano: il tuo grado di soddisfazione dipende solo dal tuo gusto e dalle tue aspettative. Attendi sempre la completa asciugatura dello stucco veneziano, prima di stendere lo strato aggiuntivo.

Terza fase: rifinitura stucco veneziano

Quando l’effetto finale sarà di tuo gradimento, sarà il momento della rifinitura: con l’aiuto del frattazzo pulito, effettua dei movimenti circolari, inclinando l’utensile a 30°. Questo accorgimento ti aiuterà a rendere la parete più lucida; ne consegue che, più movimenti circolari realizzerai, maggiori saranno gli effetti brillanti. Se utilizzi uno stucco sintetico, puoi utilizzare la carta vetrata per ottenere l’effetto contrario, ovvero una parete opaca. Per dare maggiore resistenza alla parete e a preservarne la lucentezza (o l’opacità), puoi passare un’ultima mano.

Se devi applicare lo stucco veneziano, attieniti alle varie fasi che ti ho appena descritto per ottenere un risultato del tutto soddisfacente, ma soprattutto gratificante! Se sei rimasto soddisfatto della nostra guida, vieni a dare un’occhiata al nostro sito Fixool, dove troverai diverse guide aggiornate sul mondo della casa.

©2018-2019 Fixool

Comments

comments