Serpenti dal giardino: come eliminarli

serpenti
serpenti

Trovarsi ad avere a che fare con degli ‘ospiti’ in giardino non è propriamente una bella esperienza. Fortunatamente dover eliminare serpenti è un’operazione relativamente semplice da compiere.

Un giardino è una gran bella comodità, si sa, infatti permette di poter installare una piscina e prendersi cura di un orticello. Inoltre ti concede uno spazio aperto dove poter far giocare i bambini o i nostri animali domestici. Tutte queste attività e possibilità non sono possibili nel caso in cui tu abiti in un appartamento.

Tuttavia, oltre che i risvolti positivi, ce ne sono altrettanti negativi. Un giardino è fonte di tante piccole insidie,  nello specifico per quello che ci riguarda questo potrebbe diventare la nuova casa di bisce, ma soprattutto di serpenti anche velenosi. In questi casi l’affare si potrebbe complicare. Se questi rettili arrivano a fare la tana nel nostro giardino è bene per la sicurezza nostra, dei nostri bambini e dei nostri animali, tentare di allontanarli.

Esistono delle tesi contrastanti, di cui alcune vedono un lato positivo nella presenza di serpenti nel giardino e cioè quella che questi rettili assicurano la disinfestazione dai topi e dai ratti. Tesi che ha un fondamento certo, ma che da un altro lato pone la loro presenza nella tua oasi verde, e i pericoli conseguenti.

Il migliore consiglio che si può dare è quello di allontanare in ogni caso i serpenti e fare qualcosa per altri tipi di infestazioni possibili. Ma procediamo per gradi e vediamo come eliminare questi abitanti indesiderati.

Riconoscimento serpenti

Iniziamo a descrivere il fenomeno dalla base, cioè da come riconoscere la presenza di serpenti nel nostro giardino.

Partiamo dalla prima sensazione da non sottovalutare: il rumore. I serpenti si muovono in maniera sinuosa e silenziosa, ma in un giardino devono per forza provocare qualche rumore. La presenza di foglie o erbacce provoca per forza qualcosa, se sentiamo strisciare ‘qualcosa’, si potrebbe trattare di un serpente o simili.

La seconda sensazione rivelatrice è quella visiva, cioè riuscire a vedere un serpente muoversi materialmente, in quel caso ogni dubbio è stato sanato riguardo alla presenza di serpenti da eliminare dal proprio giardino.

In ogni caso, non spaventatevi, non si parla di eliminazione fisica del rettile. Infatti in questa guida si parlerà di come fare per allontanare i rettili dal proprio giardino, non di ucciderli. Bisogna considerare la delicatezza della questione, perciò se non ve la sentite, è opportuno  mettere tutto nelle mani di un professionista.

Rischi e avvertenze

I serpenti per natura non attaccano se non sono attaccati, quindi per evitare di scatenare le loro ire è bene concentrarsi sul fatto che bisogna ‘naturalmente’ allontanarli da casa nostra.

Dimentichiamo quindi falci, scopettoni, rastrelli o pale da muratori, metteremmo solamente a rischio la nostra sicurezza e quella dei nostri cari.

Una volta che abbiamo visto un serpente aggirarsi nel nostro giardino, la migliore soluzione è agire subito con la disinfestazione e nel farlo bisogna proteggere per sicurezza il proprio corpo in ogni sua parte.

Non utilizzare acqua, non solo non si otterrà nessun risultato ma si renderà l’operazione ancora più complessa, ricordiamoci che se un serpente è nel nostro giardino ha anche una tana ben nascosta dove rifugiarsi.

Come allontanarli dal giardino

Se un serpente è entrato nel nostro giardino, è stato favorito da due fattori fondamentali che bisogna considerare.  Innanzitutto la presenza di erbacce utili a fargli trovare una buona tana dove rifugiarsi e poi la presenza di qualche passaggio lungo il muro di cinta. Ma trattare questi due fattori deve essere relegato ad una fase successiva.

In commercio esistono numerosi repellenti per rettili che hanno il semplice scopo di allontanarli, ma che purtroppo non sono facili da trovare. Perciò occorre visitare negozi ben forniti o farsi aiutare da internet a trovare il prodotto adatto a noi.

Oppure possiamo realizzarne uno in casa con semplici ingredienti, unendo naftalina, chiodi di garofano e cannella. Si crea così una mistura molto efficace che allontanerà i serpenti dal nostro giardino senza ucciderli. Come premesso in questa guida si parla di come allontanarli senza fargli del male.

Occorrente

In questa fase occorre prepararsi bene, saranno necessari quindi:

  • un abbigliamento protettivo che non escluda stivali in gomma, tuta protettiva e protezione facciale;
  • uno spruzzatore a pompa per antiparassitari da giardino, pulito da qualsiasi residuo precedente;
  • repellente per rettili (professionale o fatto in casa come descritto).

Procedimento

Prima fase:

Con molta cautela e, soprattutto, durante il giorno con una visuale ottimale, una volta pronti e messo in spalla lo spruzzatore a pompa ben carico, bisogna annaffiare per bene tutto il muro di cinta, specie nelle parti basse, bisogna mantenere la calma, i serpenti non possono farci nulla se usciranno allo scoperto infastiditi dal prodotto. L’operazione va ripetuta a distanza di due giorni almeno tre volte di seguito per essere sicuri di aver allontanato i serpenti dal nostro giardino.

Seconda fase:

Solo dopo aver bonificato per bene il terreno passare alle fasi successive, ossia quelle relative all’eliminazione delle erbacce (una maggiore pulizia del terreno scoraggerà i rettili dal trovare una possibile tana) e bisogna valutare la presenza di fori di ingresso lungo il muro di cinta (i serpenti strisciano quindi possono ‘entrare’ solo dal basso).

Se si è riscontrata la presenza di qualche crepa che può fungere da passaggio per rettili (non ci scordiamo che può tornare utile anche ad altri animali) bisognerà otturarla. Ci sono diverse scuole di pensiero in questo senso. Una delle diverse possibilità è quella di tappare la crepa con della rete a maglie fitte o fittissime. Il migliore consiglio che si può dare è quello di otturare la crepa in maniera definitiva, ossia con cemento vero e proprio. A seconda dell’entità della crepa basterà semplicemente impastare una quantità adeguata di cemento  e otturare la falla o le falle. Può anche essere utilizzato del cemento rapido, che asciugherà in breve tempo.

Conclusione

Per quanto riguarda il discorso bonifica è bene pensare di ripeterla almeno quattro volte l’anno per stare sicuri di non incorrere in nuove ‘visite’. Almeno per i due anni successivi al primo intervento.

Rimane assolutamente consigliabile evitare che le zone trattate siano frequentate da bambini o animali, anche se fatto in casa. Il trattamento prevede l’utilizzo di naftalina che rimane in ogni caso un derivato tossico del petrolio. Creare delle recinzioni a protezione della zona non è mai un’idea sbagliata.

Rimane sempre importante la scelta di affidarsi eventualmente a dei professionisti del settore, che sapranno come risolvere tempestivamente questo tipo di situazioni.

Ora che sappiamo come fare per allontanare i serpenti dal nostro giardino non rimane che mettersi al lavoro. Per qualsiasi ulteriore informazione sulle nostre guide visitare il sito Fixool.

©2018-2019 Fixool

Comments

comments