Lucernario che gocciola: come comportarsi

lucernaio
lucernaio

Un lucernario permette di godere di una buona fonte di luce naturale nella mansarda di casa tua. Può accadere che goccioli, perciò in questo caso vediamo insieme come fare per risolvere il problema.

La luce naturale in casa è necessaria, soprattutto durante le ore in cui c’è luce. Per questo che rendere la propria casa più luminosa crea un ambiente caloroso e confortante. Ma ci si può ritrovare innanzi a un problema di non poco conto: un lucernario che gocciola. Come si può fare per risolvere il problema?

In questo articolo vedremo insieme come risolvere il disguido, partendo da come riuscire ad individuare il problema.

Perdite dal lucernario: cosa fare

In questo caso non possiamo esimerci da una piccola escursione sul tetto di casa nostra, avanscoperta che ha lo scopo di individuare la zona incriminata. Innanzitutto segnaliamo per bene la parte interna gocciolante per avere un primo punto di riferimento all’esterno.

Sembra quasi inutile dirlo, ma è comunque giusto ricordarlo: questa operazione deve essere svolta in una giornata senza pioggia e il lucernario deve presentarsi assolutamente asciutto all’esterno. Il tetto è una parte della casa particolarmente pericoloso: il rischio di inciampare e cadere è altissimo. Perciò se non ve la sentite chiamate degli esperti del settore, evitando problemi prima che possa accadere il peggio.

Occorrente

Prima di avventurarci, vediamo cosa ci occorre per riparare il guaio del tetto:

  • guanti protettivi: per riparare le vostre mani dalla sporcizia e da eventuali tagli con materiali appuntiti;
  • un grosso cacciavite o uno scalpello lungo sottile;
  • silicone specifico o mastice per otturazioni completo di pistola: grazie a cui potrai tappare fessure che provocano le perdite di acqua all’interno della tua casa;
  • guanti di lattice.

Procedimento riparazione lucernario

Sicuramente nella zona interessata sarà necessario spostare qualche tegola, nel caso in cui non venga via facilmente possiamo aiutarci col cacciavite o lo scalpello, ponendo molta attenzione nell’evitare di romperla. Individuata quindi la parte incriminata, saggiamo, sempre col cacciavite o lo scalpello la presenza di una crepa; con lo stesso attrezzo puliamola dai detriti.

A questo punto indossiamo i guanti di lattice e, seguendo le istruzioni riportate sulla confezione, stendiamo una buona dose di mastice o silicone; utilizzando le dita, cospargiamo per bene il prodotto sulla crepa. Il tempo di attesa necessario è di circa 14 ore, se è il caso non abbiate problemi ripetere a la siliconatura. Si può pure optare per stendere un velo di silicone o mastice lungo l’intero perimetro del lucernario.

Una volta asciugato il prodotto, versiamo dell’acqua sopra la parte per saggiare la perfetta riuscita dell’operazione. Rimettete le tegole a posto e il gioco è fatto, il vostro lucernario sarà completamente aggiustato, e non dovrete più preoccuparvi di perdite fastidiose perdite di acqua in casa.

Allora siamo pronti per andare sul tetto a porre fine al nostro lucernario che gocciola? Guanti alla mano e si sale.

Ti è piaciuto il nostro articolo? Visita il nostro sito di Fixool e troverai tutte le guide per i lavori di manutenzione per migliorare la tua casa.

©2018-2019 Fixool

Comments

comments