Disinfestazione scarafaggi: consigli da seguire

disinfestazione scarafaggi
disinfestazione scarafaggi

Oltre a essere degli animali che suscitano un certo disgusto, gli scarafaggi possono essere molto pericolosi. Come fare per allontanarli dall’abitazione?  Con l’arrivo dell’estate ma, soprattutto, con l’avvicinarsi dell’inverno e l’accensione del riscaldamento, non è difficile trovare qualche scarafaggio in casa.

Questi insetti sono caratterizzati dal corpo depresso in senso dorso-ventrale e dai colori poco appariscenti, di solito bruno. Le loro dimensioni variano a seconda della specie, con estremi che variano dai 3 mm di lunghezza in su.

A causa dei batteri che normalmente trasportano, la loro presenza in casa potrebbe essere particolarmente pericolosa. Come fare per rimediare alla disinfestazione di queste bestioline in modo innocuo per la nostra salute?

Come riconoscerli

Gli scarafaggi sono degli animaletti fastidiosi che amano ambienti sporchi, umidi e decisamente caldi. È per questo che nel periodo autunnale si possano insidiare nelle nostre case creando, in molti casi, una vera e propria colonizzazione. Come fare per evitare che questa avvenga? Per prima cosa, bisogna saper riconoscere gli scarafaggi. Definiti anche blatte, escono dalla loro tana solo quando è buio e ci si rende conto della loro presenza solo quando si entra in una stanza, accendendo improvvisamente la luce.

Questi animaletti sono degli insetti relativamente bassi e larghi, con zampe larghe che consentono loro di correre velocemente. Inoltre, presentano una struttura corporea molto sottile che permette loro di entrare in crepe e fessure molto anguste. Per di più, sono dotati di apparato dentale e, di conseguenza, si cibano di ogni tipo di materiale commestibile.

Come fare se non è possibile vedere le blatte fisicamente? La loro presenza, se non visibile agli occhi, è ben avvertibile all’olfatto. L’addome di questi insetti è rivestito di particolari ghiandole che secernono un particolare liquido maleodorante, percepibile anche dall’uomo. Se senti un odore simile a quello della muffa o ti sembra che ci siano degli agrumi ammuffiti in una stanza, la presenza delle blatte è certa. Potresti anche notare delle palline o delle piccole macchie tendenti al marrone. Gli escrementi degli scarafaggi sono un altro indizio della loro presenza nella tua casa.

Come prevenire gli scarafaggi

La prevenzione delle blatte è la pulizia e i posti preferiti sono il bagno (ricco di acqua e umidità), ma anche la cucina, dove il cibo regna sovrano. Controlla quindi la zona sotto il lavello, dietro e sotto agli elettrodomestici e, infine, nelle crepe dei muri.

Se noti la loro presenza, la prevenzione migliore è rappresentata dall’individuazione del nido. Per prevenire il loro passaggio, controlla i fori di ventilazione e altre eventuali aperture che possono essere rivestiti con dello stucco o con del silicone, così da evitare il loro “pellegrinaggio” verso il cibo.

Per prevenire un’invasione di blatte, è possibile distribuire dietro ai mobili della cucina e negli angoli delle altre stanze la sabbia di Diatomee, un prodotto che, sebbene non si trovi facilmente in commercio, riesce ad allontanare non solo gli scarafaggi ma anche altri insetti, come le formiche. Anche se molto efficace, questo prodotto deve essere utilizzato con la massima cautela perché potrebbe comportare delle conseguenze anche gravi in caso di inalazione. Per utilizzare questa sostanza, si raccomanda quindi l’utilizzo di guanti e mascherina.

La disinfestazione degli scarafaggi può avvenire tramite delle aziende specializzate che utilizzano prodotti altamente tossici e potrebbero avere anche dei risvolti negativi per la salute degli animali domestici e gli occupanti della casa. Come fare quindi per toglierci di mezzo questi insetti una volta per tutte, senza incorrere in conseguenze negative per la nostra salute?

Disinfestazione

La disinfestazione degli scarafaggi può essere fatta anche con dei rimedi fai da te, del tutto naturali e quindi innocui per la salute nostra e di chi ci è accanto. Vediamo come fare, evitando un dispendio di soldi e pensando al nostro benessere.

Trappole scarafaggi

Tra i rimedi più comuni, troviamo le classiche trappole realizzate con delle scatole esca, da mettere nelle stanze dove sono presenti gli scarafaggi. In questo modo, le blatte entreranno nella scatola, senza più uscire, riducendo gradualmente la loro presenza in casa. Per realizzare questo tipo di trappola, procurati un qualunque tipo di recipiente, meglio se di piccole dimensioni, e rivestilo all’interno con del nastro adesivo. Aggiungi del cibo per far sì che le blatte entrino nella scatola e rimangano bloccate alla colla.

Canfora e naftalina

Un’altra soluzione molto utile ed efficace consiste nel mettere della canfora o naftalina agli angoli delle stanze, magari miscelando queste sostanze con dello zucchero per favorire una maggiore attrazione da parte degli insetti. In sostituzione alla naftalina o alla canfora puoi utilizzare la polvere di borace, dall’odore molto più leggero e meno nauseabondo.

Piante naturali

La natura, inoltre, ci viene in supporto con dei rimedi a dir poco temuti dagli scarafaggi: l’alloro è uno di questi. Il forte profumo aromatico tiene lontani gli scarafaggi ed è consigliabile metterne alcune foglie in cassetti, armadi o ripostigli, affinché non si annidino in quelle stanze. Allo stesso modo, le blatte non tollerano il tanaceto, una pianta mediterranea che si trova facilmente anche nei negozi di giardinaggio, e il rosmarino. Mettere dei vasi con queste piante contribuirà sicuramente a tenere lontani gli scarafaggi dall’abitazione. Oltre a migliorare l’aspetto estetico del davanzale delle finestre, ti aiuteranno a prevenire il loro avvicinamento.

L’acqua saponata rappresenta un ulteriore rimedio naturale che permette di sterminare in maniera immediata gli scarafaggi. Il sapone, impedendo la traspirazione, farà soffocare le blatte in pochi istanti.

Trattamento scarafaggi morti

Qualunque sia il trattamento che deciderai di attuare, accertati di buttare le blatte apparentemente morte o decedute lontano dalla casa: se dovessero riprendersi, potrebbero tornare liberamente verso il loro nido, soprattutto perché conoscono bene la strada. Inoltre, ogni qualvolta che elimini gli scarafaggi, detergi accuratamente la zona con candeggina o acido muriatico per avere la massima sicurezza di aver eliminato i batteri che spesso li accompagnano.

Le blatte, tuttavia, non si insidiano soltanto da porte o finestre ma possono entrare anche dagli scarichi. Per questo, è opportuno procedere regolarmente alla pulizia degli scarichi e della fossa biologica: una buona pulizia, come già detto, è il punto di partenza per la prevenzione dalle blatte.

Temi che la tua casa si invasa dagli scarafaggi e non sai come fare? Con questi rimedi naturali sconfiggi le blatte in modo innocuo e senza l’intervento di un tecnico! Provane subito l’efficacia! Se sei rimasto soddisfatto della nostra guida, vieni a scoprire il sito di Fixool: troverai tutti i consigli che fanno per te!

©2018-2019 Fixool

Comments

comments