Coltivare patate in casa: come fare

Strumenti e avvertenze per coltivare patate in casa- Procedimento per preparare patate in casa

coltivare patate
coltivare patate

Come fare a coltivare patate nella propria casa o abitazione? Semplici e preziosi consigli per coltivare questo gustoso tubero.

Strumenti e avvertenze

Se avete intenzione di coltivare le patate presso la vostra abitazione, dovrete comprare delle patate che siano dotate di molti occhi, ovvero i puntini neri sulla buccia. Da questi punti neri infatti spunteranno durante la coltivazione i germogli. Un patata dotata di un numero di 6/7 occhi può arrivare a generare fino a 900 g di patate. Se vuoi dunque raccogliere più patate, compra almeno 5 patate da coltura.

Per procedere alla coltivazione ti serviranno una brocca d’acqua con bocca larga e abbastanza capiente, degli stuzzicadenti, dei sassolini,  un vaso con i buchi di drenaggio e del terriccio. Prima di intraprendere la coltivazione delle patate nella vostra abitazione, dovrete prima stabilire quale sia il periodo dell’anno migliore per questo tipo di coltivazione: esso dipenderà molto dalla zona d’Italia nella quale abitate. Al Nord sarà preferibile piantare le patate tra il mese di febbraio e il mese di giugno, mentre al Sud tra il mese di settembre e il mese di dicembre.

Procedimento

Strofinate le patate comprate con una spazzola per rimuovere lo sporco. Utilizzate l’acqua corrente per rimuovere anche tutti i residui di pesticida, qualora sia stato utilizzato. Riempi poi un vaso con bocca larga di acqua. taglia la patata a metà, evitando di tagliare l’occhio. Potresti essere costretto a tagliare la patata in quarti, affinché tutti i pezzi possano entrare nel vaso. Infilza poi la patata per un quarto con 4 stuzzicadenti: posiziona gli stuzzicadenti in posizione corretta, a metà tra la parte tagliata e la parte finale della patata.

Posiziona poi la patata in cima al vaso d’acqua precedentemente riempito, appoggiando gli stuzzicadenti sul bordo dello stesso. Controlla che la patata sia a contatto con l’acqua, altrimenti gli occhi non germoglieranno. Posiziona poi il vaso in prossimità di una finestra soleggiata: una finestra esposta a Sud sarà assolutamente perfetta. Potrai riporre il vaso anche al di sotto di alcune luci riscaldanti. Qualora l’acqua del vaso diventi opaca, sostituirla con acqua pulita. L’importante che gli occhi della patata rimangano sempre umidi.

Quando saranno spuntante le radici alla patata ( la maggior parte della patate impiegano all’incirca una settimana) potrai trapiantare la patata in un vaso. Metti sul fondo del vaso dei piccoli sassolini per aiutare il drenaggio. Riempi poi il vaso per un terzo con del terriccio. Non riempirlo subito ma aggiungi terriccio mano a mano che la pianta cresce. Inserisci le patate con in germogli verso il basso, senza avvicinarle al bordo del vaso.

Le patate andranno coperte con circa 50/70 mm di terriccio. Annaffia accuratamente il tutto. Aggiungi poi altro terriccio, via via che la pianta crescerà. Raccogli poi le patate quando compaiono dei piccoli tuberi sulla pianta. Essi non saranno edibili, ma ciò significherà che la patata ha attecchito. Scava con delicatezza il terreno con degli attrezzi da giardino e sciacqua bene le patate prima di cuocerle e consumarle.

Per qualsiasi informazione sulle nostre guide visitare il sito Fixool.

©2018-2019 Fixool

Comments

comments